Lotus Evija, la hypercar elettrica col sound anni 60

Lotus Evija vista frontale

La questione è di quelle annose: supercar elettriche sì o no? I progressisti votano a favore: energia pulita, rinnovabile e prestazioni da urlo. I tradizionalisti dicono no, ci vogliono i pistoni, il cambio e, soprattutto, il rumore!

Evija

Già, il rumore, una delle cose di cui l’amante della bella guida non riesce proprio a fare a meno. Un argomento che non ha lasciato insensibili gli ingegneri di Lotus,che per la nuova hypercar Evija hanno escogitato un sistema per far sì che i 2000 cavalli del propulsore a batterie, oltre allo stomaco, si sentano anche nelle orecchie.

La soluzione si chiama Patrick Patrikios, produttore musicale di fama internazionale. A lui la casa di Hethel ha affidato l’incarico di “doppiare” la voce della nuova sportiva. Come? Riproducendo il suono di una delle Lotus più famose di sempre: la monoposto Type 49 con cui Jim Clark corse in Formula 1.

Specifiche tecniche

“C’è purezza in quel motore V8, un suono diretto ed emozionante che arriva subito all’anima, proprio come le migliori canzoni”, ha dichiarato Patrikios,che si sta occupando di adattarne il timbro alle prestazioni e all’erogazione della nuova berlinetta inglese, capace di raggiungere i 300km/h nientemeno che in nove (9) secondi!

Un’iniziativa che fa discutere, ancora una volta. Come, d’altronde, tutto ciò che riguarda i veicoli elettrici. Una macchina degli anni 2020 che suona come una del 1967. Funzionerà?

Tu che cosa ne pensi? Scrivilo nei commenti!

Leave a Reply

Translate »