Stella Alpina 2016, la storia continua……..

La manifestazione denominata “rievocazione storica della Stella alpina”, organizzata dalla Scuderia Trentina Storica, è una manifestazione di regolarità classica con prove a strumentazione libera. Non è, quindi, una gara di velocità e nemmeno una passeggiata turistica, ma è un insieme, sapientemente studiato, delle due specialità, in cui si fondono paesaggi e bravura tecnica alla guida. La rievocazione storica della Stella alpina è una manifestazione in cui sono concentrati tutti gli sforzi della Scuderia Trentina Storica per creare un evento memorabile e di grande pregio, capace di soddisfare le aspettative di chi si sente un pilota di regolarità ma anche di chi vuole godersi paesaggi unici ed indimenticabili.

Sandro Bottura Presentazione Feste Vigiliane 2015

Il presidente della Scuderia Trentina Storica, Enrico Zobele:

“La bellezza dei paesaggi e la passione per le auto d’epoca emozionano ogni anno un target sempre più ampio di persone e attirano sempre più equipaggi stranieri”, commenta Enrico Zobele, presidente della Scuderia Trentina Storica. “Il pubblico lungo il percorso è entusiasta nel vedere passare auto d’altri tempi e resta affascinato dalla sfilata di Ferrari moderne che partecipano alla manifestazione.”

(26) Piardi Piardi Passaggi Passo Stelvio 28 ma edizione stella alpina
Piardi Piardi Passaggi Passo Stelvio 28 ma edizione stella alpina

La rievocazione storica della Stella Alpina è un evento riconosciuto dall’ACISPORT nel calendario nazionale. È una “gara di regolarità classica” con 99 prove di precisione a cronometro, divertenti ed impegnative, disposte quasi esclusivamente su strada aperta al traffico in un contesto unico come le Dolomiti. Prove di precisione cronometrica impegnative al centesimo di secondo ma senza percorsi di abilità e con tempi sempre rispettosi dell’anzianità delle vetture, pur senza sminuirne le caratteristiche per cui erano state costruite, ossia il trasporto su strada o, in molti casi, il divertimento e la competizione sportiva, anche su strada. Percorrendo strade aperte al traffico, per iscriversi è necessario che la vettura sia dotata di Fiche ACI-CSAI, Certificato di Identità (omologazione) ASI FIVA e che sia in regola con le norme del Codice della Strada. Sono ammesse alla manifestazione tutte le vetture fino al 1971.

 

(00) Formilan Ermes Azimut Banca Galileo Ferrari Adrenaline Alta Badia Base Cabrini Assicurazioni La Sportiva Ronzoni 30ma Stella Alpina 2015 partenza Piazza Fiera

In omaggio alla storia della manifestazione originale, verrà costituito il TROFEO STELLA ALPINA con una classifica che premia le vetture fino al 1957 (anno in cui furono “fermate” le manifestazioni su strada in conseguenza del grave incidente di De Portago alla Mille Miglia del 1957). In merito alle auto che saranno considerate valide per il Trofeo, vi è da notare che sono ammesse tutte le vetture di serie che erano presenti nel 1957 ma sono state costruite anche in anni successivi, se dello stesso modello e tipo.

nunzia 56 musi old

Il percorso, studiato dall’organizzazione con grande impegno e cura, alla ricerca di strade divertenti e dal maggior impatto scenografico e paesaggistico, comprende scorci culturali di ogni genere, partendo sempre dalla Città del Concilio, Trento, in una delle piazze di maggiore storia della città; attraverso vallate e paesi ricchi di storia e di cultura, sia del fondovalle che delle vallate alpine, transitando e sostando nella meravigliosa piazza Walther a Bolzano, si viene proiettati in quota attraverso la Valgardena, per arrivare in Alta Badia, a Colfosco – Corvara, sede di tappa. Numerosi i passi dolomitici che, in questi tre giorni di manifestazione, verranno superati: passo Sella, passo Pordoi, passo Rolle, passo Gardena, passo Falzarego, passo Giau, sono solo alcuni che fanno parte del percorso, che comprende anche passaggi a Cortina d’Ampezzo, Selva Gardena, Canazei, Alleghe con il suo splendido lago, e molti altri scorci che vi stupiranno durante il percorso. Il ritorno, attraverso le valli alpine del Trentino Alto Adige, Fassa, Fiemme e Cembra, ci riporterà a Baselga di Pinè e poi Trento per finire la nostra manifestazione in bellezza.

(12) Spagnolli Bellini partenza seconda tappa Madonna di Campiglio 29ma Stella Alpina 2014
Spagnoli Bellini 29ma Stella Alpina 2014

L’ospitalità sarà sempre di eccellenza, partendo dalla cena di venerdì, presso lo Chalet Gerard ai piedi del passo Sella, ed al pernottamento presso l’Hotel Kolfuschgerhof di Corvara, in cui soggiorneremo per la durata della manifestazione e dove si terrà la serata di gala del sabato sera, il pranzo del sabato al ristorante Tana de l’Ors a Val di Zoldo ed al pranzo finale durante le premiazioni a Trento, allietato dalle “bollicine” trentine di Casa Ferrari.

nunzia 1100

I servizi che la manifestazione prevede servono a far si che l’ospite si debba concentrare solo sulla manifestazione, sulle prove disposte sul tracciato e sul percorso tra le incantevoli montagne del Trentino Alto Adige. Al resto ci pensa l’organizzazione, con un adeguato servizio trasporto bagagli sia all’andata che al rientro, con l’assistenza tecnica alla partenza ed arrivo delle varie tappe e lungo tutto il percorso, con un carro attrezzi per le emergenze non risolvibili, con un monitoraggio delle prestazioni via internet in tempo quasi reale, con tante altre piccole attenzioni che renderanno il vostro soggiorno rilassante e piacevole.

nunzia balilla

PROGRAMMA

Il programma della manifestazione, prevista nei giorni 8 – 9 – 10 luglio 2016, si svolge:

Venerdì 8 luglio 2016

13,00 – 15,00: Ravina di Trento – Cantine Ferrari Verifiche sportive e tecniche – consegna bagagli

16,00 – 17,00: Trento – Piazza Cesare Battisti Partenza delle vetture per la prima tappa

18,00 – 19,00: Bolzano – Piazza Walther Arrivo dele vetture

19,30: Trasferimento vetture al Passo Gardena

21,00: S.P. Passo Gardena – Chalet Gerard – cena di benvenuto

Sabato 9 luglio 2016

09,00 – 10,00: Corvara Partenza delle vetture per la seconda tappa

12,30 – 14,30 : Val di Zoldo – Ristorante Tana de l’Ors – Pranzo

17,30 – 18,30 : Corvara Arrivo delle vetture

21,00 : Colfosco – Hotel Kolfuschgerhof – Cena di gala (è gradito abito scuro)

Domenica 10 luglio 2016

09,00 – 10,00: Corvara Partenza delle vetture per la terza tappa

12.00 – 13.00: Baselga di Pinè – Ice Rink – Arrivo delle vetture

13.30 – Trento – Cantine Ferrari – Pranzo – Premiazioni – Commiato

Il percorso:

http://www.stellaalpinastorica.it/Edizione2016.php

(15) Riboldi Sabbadini 28 ma edizione stella alpina

LA STORIA

Stella alpina Coetanea della Coppa d’Oro delle Dolomiti, nacque nel 1947, come gara internazionale di turismo veloce aperta alle vetture sport e turismo, per volontà dell’Automobile Club di Trento.

Il decano dei giornalisti dell’automobile, Giovanni Canestrini, trentino di nascita trapiantato a Milano, nel 1924 partecipò alla quarta edizione della Coppa delle Alpi sulla OM di Nando Minoja, come inviato della Gazzetta dello Sport di Milano.

Sandro Bottura Presentazione Feste Vigiliane 2015

Per essere più leggeri, dalla vettura era stato eliminato tutto il peso inutile e perciò anche il bagaglio personale, che seguiva su un camioncino della OM. Al passo della Mendola, si scatenò un furioso temporale. Minoja grazie alla sua abilità riuscì ad arrivare a Merano entro il tempo previsto. Il camioncino al seguito fini in un fosso. Minoja e Canestrini, bagnati fradici e ignari dell’incidente, si precipitarono in albergo, si tolsero i vestiti bagnati e attesero fiduciosi le proprie valigie. Canestrini doveva telefonare il pezzo al giornale prima della chiusura; senza indugio, in costume adamitico, si avvolse in una coperta, si precipitò al Palazzo delle Poste. Non fu facile spiegare all’impiegato che era un giornalista rimasto senza abiti… Seguire quelle massacranti gare, voleva dire per un inviato, alzarsi a ore impossibili, rifare la valigia, farsi quattro o cinquecento chilometri e quando per gli altri era l’ora del riposo, correre, scrivere, telefonare ecc… Gli nacque così l’idea di una gara con partenza e arrivo di tutte le tappe nella stessa località. Così i giornalisti avrebbero potuto starsene comodamente in albergo, evitando gli affanni quotidiani per inviare gli articoli al giornale. Canestrini battezzò questa sua “gara ideale” Quadrifoglio Alpino”, poichè pensava ad una gara di quattro tappe con centro a Merano.

Sandro Bottura Presentazione Feste Vigiliane 2015

Sulle ali dell’entusiasmo dell’immediato dopoguerra anche il movimento motoristico trentino fu coinvolto in una sorta di euforia collettiva trasformata nella voglia di fare, di ideare qualcosa di importante. Nell’inverno del 1946 il presidente dell’Automobile Club di Trento, il conte Sigismondo Manci, si recò a Roma alla CSAI per chiedere il passaggio della Mille Miglia a Trento. La risposta fu sempre negativa.

(34) Detassis Angeli passaggi Passo sella terza tappa 30ma Stella Alpina 2015
Detassis Angeli Passo Sella terza tappa 30ma Stella Alpina 2015

Il conte Manci non ci pensò troppo e durante una delle tante riunioni serali lanciò l’idea di una gara tutta trentina. La cosa fu presa subito con entusiasmo. Il conte Manci andò a parlare con Canestrini del suo proposito di organizzare una manifestazione di regolarità a Trento. Canestrini non esitò a risfoderare la sua vecchia idea e oggettivamente la formula fu varata nel 1947. Il regolamento prevedeva fin dalla prima edizione che sul percorso totale, diviso in quattro tappe, solo alcuni tratti, pari a un terzo circa del percorso, fossero cronometrati e perciò determinanti ai fini della classifica finale.

La prima edizione, che vide 51 concorrenti al via, dato nientemeno che da Tazio Nuvolari, fu vinta, su Lancia Aprilia, da un giovane Piero Taruffi in coppia con la moglie. Nella seconda edizione, il cui percorso era stato allungato a 1400 chilometri con ben dieci tratti cronometrati, si impose, su 58 concorrenti, un altro nome illustre: Nuccio Bertone su Fiat Stanguellini. Rispetto all’edizione precedente le novità del percorso furono lo Stelvio, la Cima d’Asta e il Garda.

foto 2014

Il 1949 la gara venne resa, dagli organizzatori, ancora più difficile vennero modificate le tabelle di media con conseguenti incrementi di velocità sia per le categorie Sport che Turismo, le prove furono portate a 15 e il percorso ebbe ulteriori modifiche; si passò dai laghi di Molveno e di Carezza, dai passi Gavia e Costalunga e dalle stazioni turistiche di Andalo, Folgaria, Enego e Valdagno. La lunghezza del percorso passò a 1480 chilometri. La vittoria assoluta andò a Franco Simontacchi su Fiat Stanguellini che s’impose a sorpresa per soli 12” sul favorito Ovidio Capelli, anche lui su Fiat Stanguellini, sul terzo gradino del podio salì Vittorio Bulgarini su Cisitalia.

PASSAGGI PASSO DELLO STELVIO 23ma EDIZIONE STELLA ALPINA LUCINI - LUCINI COSTA - RICCOBON TOSI - GHIDINI

La quarta edizione, in programma dal 24 al 27 di agosto, subì importanti modifiche, soprattutto nel regolamento, che resero la gara più consona alle aspettative generali, meno severa, più aperta a tutti. La partecipazione limitata alle vetture con motori di serie, suddivise nelle categorie Turismo e Gran Turismo Internazionale e i tratti cronometrati ricavati tutti su strade in salita portarono il numero dei concorrenti a 74. Le prove cronometrate si svolsero: al passo della Mendola, passo Sommo, passo dello Stelvio, passo del Tonale, passo Rolle, passo Falzarego e ultima la Trento Bondone. S’impose Salvatore Ammendola al volante di una potente Alfa Romeo 2500.

Nel 1951 i concorrenti al via sono 96, campioni del volante e specialisti delle gare di montagna appartenenti a Scuderie di prestigio come la milanese Sant Ambroeus e la neonata Trentina. Il pronostico era diviso alla pari tra Salvatore Ammendola, già vincitore nel 1950 e al via con una Ferrari 2340 ed Enrico Anselmi su Lancia Aurelia G.T. fresco vincitore della Coppa delle Dolomiti e primo di classe alla Mille Miglia. Dopo sette impegnative prove cronometrate la vittoria andò a Salvatore Ammendola seguito da Luigi Valenzano su Lancia Aurelia e da Augusto Saraceni su Ferrari. 100 gli iscritti alla sesta edizione, nonostante l’assenza di Valenzano, Anselmi, Ippocampo e Ammendola per dissidi e polemiche tra Alfa Romeo e Lancia.

Sandro Bottura Presentazione Feste Vigiliane 2015

Poche le novità rispetto all’edizione precedente. Le prove cronometrate furono ancora sette: Passo Rolle, la Mendola, il Costalunga, le Palade, lo Stelvio, il Tonale e il Bondone suddivise nelle quattro giornate di gara dal 28 al 31 agosto. Ovidio Capelli su Fiat 8V si aggiudicò la classifica assoluta precedendo il trentino Fausto Rodenghi su Lancia Aurelia ed il campione di Francia Jean Herteaux su Jaguar. La Stella Alpina del 1953 ricalcò grandi linee l’edizione precedente, ma a tirare le fila non ci fu più Sigismondo Manci, il regista e il realizzatore di questa grande corsa automobilistica. Il vuoto provocato dalla sua assenza fu incolmabile. Se il numero dei partecipanti non cambiò di molto, a livello qualitativo la manifestazione dell’ A.C.I. di Trento segnò un ulteriore passo avanti. Numerosi piloti di fama internazionale e diverse Case costruttrici non vollero mancare all’appuntamento. Lancia, Alfa Romeo, Ferrari, Dina Panhard e Porsche si schierarono alla partenza con squadre decisamente agguerrite. Tre Lancia Aurelia ai primi tre posti della classifica assoluta con in ordine: Ammendola, Valenzano e Anselmi.

Sandro Bottura Presentazione Feste Vigiliane 2015

L’ottava edizione fu la gara di Giuseppe Crespi. Il ventitreenne pilota lombardo, nella prima prova cronometrata del passo di Costalunga, inflisse, a bordo della nuova Alfa SS Zagato, ben 33 secondi di ritardo a Ferdinando Gatta, secondo, con la Lancia Aurelia. La gara fu un alternarsi continuo tra Ammendola Sanesi e Crespi ai vertici della classifica. La salita del Bondone fu l’ultima prova, decisiva per la classifica finale. Si impose Mario Tomasi con una Fiat 8V della Scuderia Trentina. La vittoria finale assoluta fu meritatamente di Crespi e della debuttante Alfa Romeo SS Zagato. Il secondo posto fu di Ammendola con la Lancia Aurelia B20. Terzo concluse Sanesi con l’ Alfa SS.

foto Mozzi-Biacca terzi alla fine

Il 1955 fu un anno difficile per i motori. La tragedia di Le Mans e altri tragici avvenimenti indussero ad annullare molte gare già in calendario. In extremis arrivò il nulla osta per lo svolgimento della Stella Alpina. Gli organizzatori cercarono soprattutto di rendere ancora più sicuri i tratti cronometrati. Le partecipazioni furono molte ed importanti, e non solo italiane. La gara visse sulle acrobazie del belga Gendebien il quale, confermando ampiamente il pronostico della vigilia, vinse con ampio margine a bordo di una Mercedes 300 SL . Alle sue spalle un’ altra Mercedes quella dello spagnolo Bas Fabregas, terzo fu Ferdinando Gatta con una Lancia Aurelia Zagato.

Nel 1956 la storia della Stella Alpina si ferma, come tutte le gare automobilistiche su strada!

Riprenderà come gara di regolarità per autostoriche nel 1984, ripercorrendo le stesse strade che la resero famosa.

Arriviamo all’edizione 2016, volete anche voi scrivere…la vostra pagina di storia?

ADRENALINE24H

Foto: Scuderia Trentina Storica- Adrenaline24h

Leave a Reply

Translate »