Lancia Beta coupè, la figlia della Fulvia……

Oggi ci dedichiamo alla Lancia beta Coupè, che ebbe l’ingrato compito di rappresentare il “dopo Fulvia”, icona Lancia,

incontrando però i pregiudizi infondati dei Lancisti, negli anni in cui Fiat stava prendendo il sopravvento.

Oggi vive una seconda giovinezza e l’attenzione degli appassionati, considerando che ha “solo 42 anni”……

Nasce, segnando il difficile ruolo di sostituzione della Fulvia nel cuore dei Lancisti, siamo nel 1972, un pianale e trasmissione completamente nuovo ed un motore Fiat, di tutto rispetto, parliamo del famosissimo bialbero, progettato da Aurelio Lampredi per la Fiat 124 Sport Spider e rivisitato da Ettore Zaccone Mina, progettista del V4 della mitica Fulvia. La carrozzeria invece è curata direttamente dalla Lancia, con la supervisione di Piero Castagnero, anch’esso tra i padri della Fulvia, tutto questo in segno di una continuità precisa, nel voler creare un’erede….all’altezza del marchio Lancia.

La versione definitiva fu presentata nel 1973, il suo debutto al salone di Francoforte, la commercializzazione nel marzo 1974.

Da subito, due motorizzazioni, “1600” e “1800”, sempre di derivazione Fiat, presenti sulle 124, 132. Dalla seconda serie, su un totale di quattro, differenziate da modifiche estetiche e motoristiche, troviamo anche un motore “1300”, che cambierà più volte cilindrata passando da 1297 A 1366 centimetri cubici, mentre con la seconda serie il “1800” cede il passo al  favoloso “2000”, che successivamente avrà prime l’iniezione elettronica e poi il compressore volumetrico, nella versione “Volumex”.

La Beta è, rispetto alla Fulvia, più lunga di 2cm, più bassa di 3,5 e più larga di 9,5, la trazione ovviamente anteriore, sospensioni con avantreno a ruote indipendenti e retrotreno McPherson, freni a disco, bagagliaio di enorme capienza per una coupè, cambio morbido, abitabilità interna, ai massimi livelli, come da standard Lancia di quegli anni.

Da lei nasceranno versioni sportive per le corse, specialmente in Europa, poi la versione HPE, con il portellone posteriore e la Beta Montecarlo, gioiello da…guerra….su strada o in pista.

http://www.autogaleria.hu –

Una vettura di nicchia per ora…..è pur sempre una Lancia!!!!

ADRENALINE24H

2 Responses
    1. admin24

      Si è vero, però dal titolo, vedrà che abbiamo volutamente dedicarci solo alla coupè. A breve un articolo dedicato alle spider Lancia. Grazie ci segua sempre.

Leave a Reply

Translate »