FEDERAZIONE ITALIANA FUORISTRADA

La Federazione Italiana Fuoristrada è stata ufficialmente costituita nel 1973 e nel corso di oltre quarant’anni ha permesso l’evolversi del fuoristrada sportivo e turistico in Italia, rappresentando per tutti gli appassionati quella bandiera, quel punto di riferimento e quella casa comune che i fondatori allora immaginarono e sognarono.

In occasione della partecipazione con un proprio team alla MAROC CHALLENGE 2020, Adrenaline24h ha ottenuto il prezioso e prestigioso patrocinio dell’associazione.

Oggi FIF è una dinamica Federazione di club che ha saputo evolversi e modernizzarsi pur rimanendo saldamente nel solco della propria tradizione. Ripercorriamo quindi, attraverso questa pagina web, la sua storia. La storia degli albori del fuoristradismo amatoriale e sportivo italiano. Nel corso dei primi anni 60 molti appassionati di motori scoprirono che il veicolo fuoristrada non era solo un mezzo costruito per attività belliche o come strumento di lavoro, ma anche il mezzo ideale per evadere dalle città lungo percorsi inaccessibili alle vetture tradizionali. L’interesse per questo mondo fatto di uomini e di macchine, che nei giorni di festa si arrampicano lungo percorsi scoscesi, guadano corsi d’acqua, attraversano strade immerse nei boschi, si impolverano, si infangano o si bagnano da capo a piedi, risveglia in molti il desiderio di avventura e il piacere di misurarsi con una tecnica di guida nuova e inusuale. Rapidamente ciò si trasformò in passione. Gruppi di amici, esattamente come accade ora, dopo serate passate a parlare di questo o quel passaggio durante l’ultima gita in fuoristrada oppure a modificare le auto sperando di migliorarne le prestazioni, decisero di costituire un club che rappresentasse l’ufficializzazione del sodalizio, scegliendo un nome ed un marchio, spesso dopo infinite discussioni.

Così altre formazioni, spontaneamente e alla spicciolata, si costituirono qua e là per l’Italia, come ad esempio il Cross Car Club a Torino, l’A.F.S. Associazione Amici del Fuoristrada a Genova, il Panzer a Prato o il Club Nazionale Fuoristrada a Bologna. Il periodo delle allegre scampagnate era destinato a durare nel tempo, ma era anche naturale che durante le gite qualcuno si dimostrasse più bravo di altri ad arrampicarsi con il proprio veicolo lungo una salita o a superare una buca o ancora arrivasse con qualche ora di anticipo al rifugio sulla cima della montagna. In questi casi c’era sempre qualcuno che prendeva nota di ciò che accadeva, segnando meticolosamente su quell’invisibile taccuino che è la memoria, ogni difficoltà ed ogni ritardo, attribuendo ad ogni partecipante un simbolico punteggio: in questo modo la strada che avrebbe condotto alla competizione era definitivamente tracciata. Con il diffondersi e l’intensificarsi dell’attività fuoristradistica presto si rese necessario mettere ordine ed organizzare un calendario nazionale per evitare il fenomeno delle gare concomitanti e per sopperire alla totale mancanza di informazioni su raduni e manifestazioni che, sempre più, cominciarono ad essere organizzate.

Fu così che il 6 Gennaio 1972, durante il “1° Minirally d’inverno” di Maggiora, si concretizzò con un brindisi l’intenzione di fondare un Ente comune che raccogliesse tutti club italiani e li federasse fra loro: la Federazione Italiana Fuoristrada. Dopo varie vicende e tentativi di alleanze con alcune scuderie di autocross, si giunse al 24 Novembre 1973, data in cui fu ufficialmente fondata la FIF – Federazione Italiana Fuoristrada.

Iniziò così un lungo cammino indirizzato verso la tutela e la promozione della nostra passione ed allo stesso tempo verso l’organizzazione e l’armonizzazione della pratica fuoristradistica. I club affiliati, nel frattempo, si sono moltiplicati e così anche il numero degli iscritti. Di strada da allora ne abbiamo percorsa veramente tanta. Ringraziamo tutti i “Padri Fondatori” che hanno voluto gettare le fondamenta della nostra costruzione. Oggi se la Federazione è tale, lo si deve anche al loro intuito, al loro sforzo ed alla loro passione e a tutti quelli che li hanno seguiti.

Uno dei fiori all’occhiello della Federazione Italiana Fuoristrada è la Scuola Federale, con gli oltre 35 anni di storia dedicata alla formazione.

E’ composta da quasi 200 Istruttori dislocati su tutto il territorio nazionale, con un coordinamento regionale ed uno a livello nazionale garantito dalla Commissione Scuola e dal Responsabile della Scuola Federale.

La Scuola innanzi tutto svolge sul territorio la sua primaria attività Istituzionale, quella cioè di coordinare e gestire i corsi di Guida Sicur in Fuoristrada organizzati dai Club affiliati, dai Delegati Regionali o promossi dai singoli Istruttori, ma coordina anche l’operatività del settore Commerciale, sempre nell’ambito della formazione.

La Scuola Federale della Federazione Italiana Fuoristrada ha come obiettivi istituzionali prioritari nei confronti degli affiliati:

  • La formazione alla guida di veicoli fuoristrada ed a trazione integrale, in ordine a principi di conservazione e rispetto della Natura e del territorio, della sicurezza personale e dei veicoli stessi.
  • L’organizzazione di corsi specifici in funzione delle diverse esigenze, ludiche, professionali o agonistiche
  • La promozione e la divulgazione dell’etica F.I.F. attraverso l’insegnamento e l’esempio che gli Istruttori rappresentano nel mondo dell’ off road.

La Scuola Federale cura anche gli aspetti organizzativi del settore commerciale dedicato alla formazione ed alla promozione:

  • Da sempre la Federazione Italiana Fuoristrada – in forma diretta o tramite aziende consociate – collabora all’organizzazione di eventi, presentazioni prodotto, incentive e tutto quanto possa essere legato all’attività outdoor e di fuoristrada per l’industria Automotive e non solo.
  • La Federazione Italiana Fuoristrada, ha avuto il privilegio di formare personale appartenente ad Enti quali la Polizia di Stato, il Corpo Forestale dello Stato, l’Aeronautica Militare, le Amministrazioni Pubbliche (anche straniere) oltre a un nutrito elenco di dipendenti di aziende di primaria importanza.
  • Ha collaborato con grandi case automobilistiche come Land Rover, Mitsubishi, FIAT, Jeep, Nissan, Opel, Suzuki, Daihatsu ed attualmente con Toyota.

Tutto questo è la Scuola Federale F.I.F.

Vantaggi per i Club

Ogni anno centinaia di Club riconfermano la loro adesione alla Federazione Italiana Fuoristrada e molti altri richiedono di diventare Federati volendo entrare a pieno titolo nell’unica realtà nazionale riconosciuta da ACI Sport per il settore fuoristrada 4×4, che vanta ormai oltre 40 anni di storia.

Da quando è nato il fuoristrada in Italia gli eventi off-road più prestigiosi, dal mitico Camel Trophy all’attuale 4x4Fest, hanno visto come protagonisti FIF ed i Club Federati, da sempre legati da un semplice filo conduttore: la passione per il 4×4, sempre e comunque.

La struttura F.I.F., oltre a vantaggi pratici e tangibili, offre da sempre la propria competenza ed esperienza per assistere e consigliare chi vuole costituire un nuovo Club, nonché i piccoli sodalizi ed i Club più numerosi, attivi e prestigiosi, impegnati nella realizzazione di rilevanti manifestazioni agonistiche e radunistiche.

Riassumiamo i vantaggi:

– Personale di segreteria disponibile
– Consulenza nella realizzazione delle diverse manifestazioni
– Consulenza e supporto per la realizzazione di corsi Scuola di Guida Sicura in Fuoristrada
– Consulenza e supporto per la realizzazione di corsi Scuola professionali certificati
– Polizze assicurative in convenzione per le gare
– Polizze assicurative in convenzione per le attività amatoriali o a scarso contenuto agonistico
– Polizze assicurative per le attività sociali
– Polizze assicurative per gli infortuni
– Convenzioni assicurative per RCAuto
– Spazi espositivi gratuiti in occasioni di fiere dedicate al 4×4
– Disponibilità del nuovo Manuale di Guida Sicura in Fuoristrada

Lo statuto della Federazione Italiana Fuoristrada individua come “soci” le Associazioni o Club affiliati; ma la F.I.F. dà valore alle persone, agli uomini ed alle donne che sostengono con passione e partecipazione i Club e, quindi, la stessa Federazione. Per questo motivo sono stati previsti dei vantaggi anche nei confronti degli Iscritti alla FIF tramite i Club affiliati.

– Possibilità di aderire alla convenzione FIF-AXA per la stipula di RCAuto
– Sconti per l’ingresso in fiere del 4×4
– Polizza infortuni personale attiva durante le manifestazioni sotto egida FIF
– Assistenza da parte della segreteria federale
– Possibilità di partecipare a tutte le attività sociali e federali
– Possibilità di partecipare a corsi di guida sicura con gli Istruttori della Scuola Federale.

Il Settore Storico

Il Settore Storico della F.I.F., con il Registro Italiano Fuoristrada Storici, si prefigge di fornire indicazioni e consulenze per ogni tipo di problematica derivante dalla conservazione e restauro di questi veicoli, impegnandosi a stipulare convenzioni con carrozzerie, officine meccaniche, elettrauto e ricambisti in modo tale da ottenere prezzi calmierati per i soci che volessero intraprendere questi recuperi; contemporaneamente saranno favorite tutte le partecipazioni a manifestazioni inerenti a esposizioni statiche e non, quali ad esempio il 4x4Fest di Carrara, ormai divenuta un classico per la FIF, nonché raduni specializzati, convegni, rievocazioni storiche e/o militari o gite dalle caratteristiche strettamente turistiche.

Per aiutare la proliferazione di tutte queste attività il Settore Storico della F.I.F. intende incentivare la formazione all’interno dei Club affiliati di una “Sezione Storica”, che potrà usufruire di una serie di vantaggi, comprendenti anche l’accesso a prodotti assicurativi convenzionati F.I.F. per i veicoli di interesse storico con tariffe particolarmente convenienti.

NOTIZIE IN PRIMO PIANO

NOTIZIE CORRELATE

Leave a Reply

Translate »