Ben nove decenni dalla prima gara del 1927, 35 candeline per l’edizione rievocativa. Questi i numeri dell’edizione 2017 della “Freccia Rossa”, che vedrà alla partenza 440 auto classiche, un centinaio delle quali sarà alle prese coi cronometri già dal martedì col Trofeo Gaburri. Tra le novità di quest’anno, le prove di abilità sulla pista dei Tornado e in 6 città d’arte. Appuntamento il prossimo 18 maggio.
La Mille Miglia compie 90 anni dalla prima edizione del 1927 e si appresta a disputare la trentacinquesima edizione rievocativa. Sono in forte crescita le iscrizioni: 705 sono le domande di partecipazione e 440 le vetture accettate (tutte costruite tra il 1927 e il 1957), provenienti da 41 Paesi di cinque Continenti, «con alcune deroghe per vetture di particolare pregio, ma sempre di quegli anni, che non presero mai parte alla corsa », spiega Paolo Mazzetti, Segretario del Comitato Operativo Mille Miglia 2017, affiancate dal Ferrari Tribute to Mille Miglia e dal Mercedes-Benz Mille Miglia Challenge, composti da vetture dei due grandi marchi immatricolate dopo il 1958, che viaggeranno lungo lo stesso percorso ad eccezione della partenza e dell’arrivo della prima tappa, previsti a Desenzano del Garda dalle 13.45 per le vetture del Cavallino, e a Ferrara dalle 21.00 per quelle della Stella. Per Mercedes-Benz la Mille Miglia è sempre una occasione per ricordare un glorioso passato, e portare in gara alcune delle vetture più belle del Museo.

La Casa della Stella partecipa all’evento dal 1930, anno in cui Rudolf Caracciola ottenne la sesta posizione a bordo di una Mercedes-Benz SSK. Un anno dopo, nel 1931, Caracciola fu il primo pilota non italiano a vincere la Mille Miglia, su una Mercedes-Benz SSKL. Non a caso Enzo Ferrari definì la Freccia Rossa un “museo viaggiante unico al mondo”. A completare una carovana composta da un parterre di vetture mai raggiunto da nessun’altra competizione per vetture classiche, di straordinario valore storico, tecnico e sportivo, appartenenti a ben ottantadue diverse Case costruttrici, in centinaia di differenti modelli, ci saranno ulteriori dieci automobili appartenenti alla “Categoria Militare”, condotte da alti ufficiali delle diverse Armi delle Forze Armate Italiane, come accadde alla Mille Miglia del 1952, con la Squadra Corse UNUCI, che ai nastri di partenza, sarà la Squadra con il più alto numero di vetture al via.

Tra vetture appartenenti a privati o quelle dei musei, saranno ben novantadue gli esemplari che torneranno a Brescia dopo aver disputato almeno un’edizione della Mille Miglia, tra il 1927 e 1957. “Almeno il settantacinque per cento degli iscritti che avrà targa straniera anche quest’anno, perché la Mille Miglia è uno dei brand italiani di maggior successo nel mondo” ci tiene a sottilineare Franco Gussalli Beretta, vicepresidente di 1000 Miglia Srl.

Il percorso 2017

Il percorso della Mille Miglia 2017 presenta alcune varianti rispetto al 2016. Da giovedì 18 a domenica 21 maggio saranno attraversati più di 200 comuni, 7 regioni italiane e la Repubblica di San Marino. Per il quinto anno consecutivo, a curare la corsa su strada più celebre di ogni tempo, sarà 1000 Miglia Srl, società totalmente partecipata dall’Automobile Club di Brescia. Le prove cronometrate salgono a 112, più 18 rilevamenti in 7 prove a media imposta. La classifica finale, dopo l’applicazione dei coefficienti sarà così costituita da un totale di 130 tratti a cronometro.

La grande novità di questa edizione celebrativa è l’introduzione per la prima volta delle “prove spettacolo”, disputate in alcune piazze storiche italiane. Sono sei le città prescelte: Verona, Castelfranco Veneto, Ferrara, Pistoia, Busseto (PR) e Canneto sull’Oglio (MN). Le ultime prove cronometrate della Mille Miglia 2017, decisive per la classifica, saranno disputate in un contesto suggestivo: le piste dei Tornado del 6 Stormo dell’Aeroporto Militare di Ghedi.

La Mille Miglia 2017 continuerà a essere disputata in quattro tappe. Il prologo, martedì 16 maggio, sarà il Trofeo Roberto Gaburri, gara di regolarità alla quale prenderanno parte un centinaio di vetture.

La partenza della Mille Miglia 2017, una carovana di circa 2000 vetture, avverrà invece alle ore 14:30 di giovedì 18 maggio da Viale Venezia a Brescia, alla volta dei passaggi sul Garda, a Desenzano e Sirmione, poi il Parco Giardino Sigurtà, Verona, Vicenza, Asolo e l’arrivo a Padova nella splendida cornice di Prato della Valle, nel contesto della “Notte della Freccia Rossa” con i negozi in centro aperti fino alla mezzanotte.

Nella seconda tappa, venerdì 19 maggio, dal Veneto partiranno le prime vetture anteguerra alle 6.30, puntando verso Ferrara, Ravenna e San Marino, da cui scenderanno in Umbria attraverso Gubbio, Perugia e Terni per arrivare poi a Roma, dove avverrà la consueta passerella notturna nell’Urbe verso le 21.00 da Via Veneto nel cuore della Capitale fino a Castel Sant’Angelo come da tradizione.

Sabato 20 maggio la terza partenza, dalla Capitale alle 6.30, per la risalita verso nord con l’attraversamento della Toscana, con i celebri passaggi di Ronciglione, Viterbo, Radicofani e Siena, con la spettacolare sfilata in Piazza del Campo, per poi proseguire alla volta di Montecatini Terme e Pistoia, valicando gli Appennini lungo il Passo dell’Abetone, per attraversare la pianura da Reggio Emilia a Modena, e concludere la terza tappa a Parma.

Domenica 21 maggio gran finale con la quarta ed ultima tappa dove le auto, lasciata la città, transiteranno da Busseto, borgo natale di Verdi, toccheranno Cremona e poi via verso il territorio mantovano con l’attraversamento del centro di Canneto sull’Oglio dove è posta l’ultima prova spettacolo. Successivamente passaggio nel centro storico della Mantova di Tazio Nuvolari, da dove le vetture proseguiranno per Guidizzolo, Montichiari e Ghedi per poi sfrecciare sotto la bandiera a scacchi a Brescia.

Le grandi Case

Oltre a Ferrari e Mercedes, non mancheranno le auto della collezione del Bmw Group Classic, e tre delle vetture più significative del Museo Storico Alfa Romeo di Arese: la 6C 1750 Gran Sport del 1930, analoga a quella con cui Nuvolari e Guidotti vinsero nel 1930 battendo il record di velocità media; la 6C 2300 Coupè Mille Miglia carrozzata da Touring, simile alla vettura che conseguì la vittoria di classe nell’edizione del 1937, e la 1900 Super Sprint del 1956, versione coupé della «berlina da famiglia che vince le corse», la prediletta dalle scuderie private e dai gentlemen drivers. Alfa Romeo, che detiene il record imbattuto alla Mille Miglia con 11 vittorie, celebra in questa edizione anche i 70 anni dell’ultima vittoria conseguita nel 1947 con la 8C 2900B dell’equipaggio Biondetti-Romano.

Tra le prescelte, la marca più rappresentata è ancora Alfa Romeo con 46 vetture (scelte su 72 iscritte), seguita da FIAT con 36 (su 61 iscrizioni) e da altre due Case con 35: Lancia (54) e Mercedes-Benz (49). Di seguito, ci sono Bugatti con 23 (tutte le iscritte) e Jaguar con 21 (47) come Porsche (35); le Ferrari schierate al via saranno 15 (su 17 iscritte), 14 le Aston Martin (34), 13 le O.M. (ovviamente tutti gli esemplari di questa marca, costruiti a Brescia, sono stati accettati), 12 le BMW e 11 le Maserati. L’elenco dei partenti è completato da altre marche, per un totale di 82 Case.

Da segnalare il format tv di nostra produzione, dedicato alla Mille Miglia, nella trasmissione “Gentleman Driver”, in onda su Sky Automototv canale 148 ed in streaming su www.automototv.it, che prevederà tre puntate pre evento a partire dal 21 aprile e si concluderà con una ultima quarta puntata, che racconterà la Mille Miglia 2017, vista da un abitacolo di un concorrente.

Le trasmissioni come sempre saranno poi visibili anche sui social network di Adrenaline24h e Gentleman Driver.

Michele Di Mauro

ADRENALINE24H 

-logo Mille Miglia 70° di proprietà Mille Miglia srl

-foto e immagini concessa da Club 1000 Miglia

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn